Programma

elezioni domodossola mariano cattrini

Un concreto e coerente progetto di sviluppo economico-culturale,  turistico e sportivo per la nostra città è alla base del programma elaborato e condiviso  dall’intera coalizione, qui sintetizzato nei punti principali. Vedi anche l’articolo 5 anni di impegno per Domodossola.

Il rilancio turistico 

cattrini rota pisapia milano m5 domodossola 2In campagna elettorale avevamo avanzato un progetto temerario: sviluppare un turismo centrato sull’asse Berna-Briga-Domodossola- Milano. Sembrava una favola…oggi invece si tratta di una realtà concreta! Berna e Milano stanno dialogando. Il progetto Interreg DomoAlpi ha consentito di avviare un processo virtuoso che ha fatto sì che Domodossola si collegasse con Berna, con treni ogni ora. La stazione di Domodossola ha ora un atrio con messaggi fotografici che indicano ai turisti le bellezze dell’Ossola. Allo stesso modo Ossola in Expo Milano 2015 è stata un’occasione per Domodossola e per la promozione dell’Ossola intera, nella quale sono stati offerti e proposti proprio nel centro di Milano le peculiarità paesaggistiche, storiche, artistiche, musicali, agricole ed artigianali che caratterizzano il nostro territorio. La sfida che ora dobbiamo affrontare è quella di fare in modo che l’accoglienza turistica sia ancora più potenziata.  L’obiettivo è quello di favorire, incentivare, proporre e promuovere eventi e manifestazioni che coinvolgano i cittadini, rendendo Domodossola una città viva e ricca sia culturalmente che economicamente. Sviluppare una sinergia tra tutti gli enti che si occupano di turismo in Ossola, coinvolgendo ristoratori, albergatori, commercianti, associazioni di volontariato e operatori turistici sarà essenziale per far sì che la rete di relazioni che sono state avviate possa lanciare Domodossola quale centro nevralgico in grado di richiamare un vasto flusso turistico dall’Italia e dalla Svizzera.

La sanità

La difesa dell’Ospedale San Biagio è stato uno dei punti critici durante tutta l’Amministrazione. L’attivazione del laboratorio di Emodinamica presso il nostro Ospedale ha permesso di erogare un servizio indispensabile per la cura delle malattie cardiovascolari, soprattutto in situazioni di emergenza. L’emodinamica è stata una vittoria degli Ossolani, i quali hanno visto sfumare il disegno politico finalizzato al depotenziamento del nostro Ospedale. Inoltre l’attivazione di tale servizio ha permesso che il DEA non venisse smantellato in favore del Castelli di Verbania. Senza la perseveranza in questa direzione probabilmente ora ci ritroveremmo con un nosocomio a bassa intensità di cure in fase di dismissione. Al contrario, nonostante tutti i proclami, Domodossola in tutti questi 5 anni non è stata privata di alcun servizio, compreso il Punto Nascite. La scelta decisa a favore dell’Ospedale Unico, la sola scelta in grado di garantire futuro e prospettiva ai servizi ospedalieri in Ossola, chiama nei prossimi cinque anni ad un percorso impegnativo in seno alla “Conferenza dei Sindaci”, in cui il ruolo dell’Amministrazione cittadina dovrà essere improntato alla massima attenzione. Se verrà realizzato l’Ospedale Unico a Ornavasso, questo deve essere visto come un’opportunità per il nostro territorio, che potrà beneficiare di elevati standard di cure non raggiungibili dall’attuale organizzazione sanitaria. Particolare attenzione dovrà essere dedicata allo sviluppo di una sanità territoriale adeguata ed ad un servizio di Emergenza Territoriale efficace, in grado di garantire elevati livelli di sicurezza e cura a tutti i cittadini. E’ importante sottolineare che anche dopo l’eventuale costruzione dell’Ospedale Unico le analisi del sangue e le visite ambulatoriali verranno comunque sempre garantite presso il San Biagio. In ogni caso nessun servizio verrà smantellato fino all’istituzione del nuovo Ospedale.

Valorizzazione della città

metafisiche croppi domodossola 4Opere emblematiche e prioritarie:

  • La riqualificazione di via Rosmini e di via Mattarella assume un’ importanza strategica nell’ambito del progetto di  valorizzazione cittadina. Tale asse viario costituisce il collegamento tra Centro Storico e “Via Sacra/Calvario” ed è un tassello fondamentale per trasformare il Borgo in quella che vogliamo sia la Città della Cultura. La parziale pedonalizzazione di Via Rosmini e Piazza Tibaldi aprirebbe le porte a nuove attività commerciali offrendo un respiro più ampio a ciò che oggi è concentrato nelle vie del Centro Storico; va ricordato che la donazione di 100.000 franchi svizzeri da parte di Leonard Gianadda permetterà a breve la ritinteggiatura del santuario della Madonna della Neve
  • ridisegnamento ZTL e creazione di nuovi percorsi ciclabili in città, incentivando la mobilità sostenibile
  • Completamento piani superiori di Palazzo San Francesco (progetto già finanziato con 650.000 euro) e sua completa restituzione alla città quale polo museale di riferimento
  • Riqualificazione “Nuclei di Antica Formazione” di Vagna, Vallesone e Andosso;
  • “Nodo” dell’Ingresso viario Sud (Zona Nosere). L’ impegno è quello di ristudiare e modificare tutto il sistema viario di quell’area per risolvere il traffico che nelle ore di punta genera lunghe code in ingresso in città;
  • Rotonda via Cassino/ via Scapaccino. E’ un impegno prioritario, dopo la variante che ha annullato il pezzo di tangenziale C. A. Dalla Chiesa.
  • Fognature area sud (Nosere). Va implementato il sistema infrastrutturale che ha visto, nella tornata conclusa, la realizzazione del Depuratore Consortile e la Fognatura di Quartero.
  • Lusentino. Costruzione di un “Piano di Sviluppo Urbanistico” che definisce le condizioni di sostenibilità gestionale ed ambientale. In particolare, saranno approfondite le possibilità di realizzare il modello di “Albergo Diffuso”, con realizzazione di soluzioni innovative dal punto di vista energetico.
  • Realizzazione del tratto di tangenziale da via Fornara a largo Curotti, previsto nel piano regolatore; questo intervento andrebbe ad alleggerire il traffico lungo l’asse via Giovanni XXIII-via Sant’Antonio-via Turati-via Scapaccino.
  • Nuovo Piano del Mercato e sua riorganizzazione nel Centro Storico
“Da Borgo della Cultura a Città dello Sport”

“Da Borgo della Cultura a Città dello Sport” è il progetto già finanziato dal Comune di Domodossola con 2,5 milioni di euro (comprensivi di un finanziamento da 1,4 milioni di euro della fondazione Cariplo e di 700.000 euro del gestore vincitore d’appalto). Questa ambiziosa iniziativa porterà ad un cambiamento radicale di quella che è oggi l’area sportiva presso lo stadio Curotti. Le principali aree di intervento riguarderanno il campo da calcio, la pista di atletica leggera, i campi da tennis, le piscine, gli spogliatoi e tutta l’area antistante lo stadio Curotti. Il risultato saranno impianti sportivi d’avanguardia che andranno ad ampliare l’offerta domese, richiamando anche atleti dalle zone limitrofe, configurando quella che vorremmo diventi la Città dello Sport.  L’istituzione di una Consulta dello Sport fungerà da punto di incontro per tutte le società sportive, associazioni e cittadini interessati alle tematiche dello sport in tutte le sue forme. La predisposizione di protocolli di intesa con le società sportive cittadine sarà una priorità per l’Amministrazione, al fine di far partecipare alle attività sportive bambini, ragazzi ed anziani e rendere così lo sport una vera attività di aggregazione.

Giovani

think again festival pensiero domodossolaIl lavoro della Consulta Giovani e dell’Assessore alle Politiche Giovanili, è stato importante per coinvolgere anche i più giovani nelle diverse attività culturali. La Biblioteca Cittadina è così divenuta punto di incontro con iniziative diversificate sia per bambini (es. Nati per leggere) sia per adulti. Grande successo ha ottenuto il Festival del Pensiero, Think Again, che ha proposto occasioni di riflessione volte a condividere i grandi temi del pensiero e della vita. Il progetto di autocostruzione di Casa 40 ha poi coinvolto molti studenti delle scuole superiori, i quali hanno partecipato attivamente all’arredamento del luogo nato per ricordare i celebri Quaranta giorni di libertà. La prossima sfida della Consulta Giovani sarà quella di puntare ad un maggior coinvolgimento dei ragazzi nelle varie iniziative svolte in città accogliendo e valutando le proposte giunte dall’esterno in modo tale da far sentire loro parte attiva e stimolare le loro capacità auto- organizzative. Obiettivi prioritari saranno

  • incrementare i progetti di peer education, collaborando con le realtà del territorio specializzate al fine di contrastare fenomeni specifici di dipendenze e abuso di sostanze, problemi riguardanti la sfera emotiva, comportamentale e relazionale e incentivare l’informazione sessuale riguardante la trasmissione di malattie e la prevenzione di gravidanze indesiderate;
  • incrementare la collaborazione fra Amministrazione, proDomo, associazioni e commercianti al fine di riuscire insieme a garantire una programmazione costante e ricca che possa essere allettante per i giovani domesi e non solo;
  • incrementare i progetti di scambio culturale in entrata e in uscita;
  • favorire iniziative volte all’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro;
  • predisporre accordi con uno o più istituti bancari al fine di creare mutui agevolati per le giovani coppie volti all’acquisto della prima casa o per le nuove iniziative imprenditoriale giovanili;
  • in biblioteca l’intenzione è quella di ampliare gli spazi di lettura, pianificare e programmare nuove iniziative rivolte ai ragazzi e realizzare eventi tipo “Escape-Room”, gaming, spazi ludici.
Smart City

banda larga e led domodossola la stampaUna smart city è una città intelligente che sfrutta le nuove tecnologie per promuovere uno stile di vita più sostenibile e confortevole. Dopo aver detto addio al mal funzionante sistema Smart Town (ossia a quel sistema integrato che univa Illuminazione, Videosorveglianza e Wi-Fi nel centro cittadino) attraverso la risoluzione del contratto e il recupero del corrispettivo versato, si è progettato e definito il potenziamento di servizi digitali innovativi. E’ stato revisionato il piano di connettività fornito dal Comune alle scuole dell’Infanzia, scuole Primarie e Scuola Media. E’ stata programmata e avviata la realizzazione di una rete MAN (Metropolitan Area Network) in fibra ottica, ad estensione di quella esistente nel centro storico, con l’obiettivo strategico di consentire al Comune di Domodossola l’erogazione di servizi di pubblica utilità e di pubblica sicurezza su tutto il territorio comunale attraverso connessioni affidabili e a banda ultra larga. Grazie al contratto tra il Comune e la società Gemmo di Vicenza, è in avvio il totale rinnovamento dell’illuminazione pubblica, che porterà ad avere impianti a led e allo stesso tempo allargare la banda larga. I punti luce della città,verranno sostituiti con nuove lampade a led, per un totale di 2.800 corpi luminosi e verranno inoltre illuminati 35 attraversamenti pedonali. I prossimi obiettivi sono:

  • nuovo servizio di Wi-Fi Pubblico, più efficiente e con più ampia copertura
  • nuovo sistema di videosorveglianza autonomo, con sistema di ripresa intelligente e ad alta risoluzione
  • Mute Movida è un sistema di microfoni ed altoparlanti che intercetta ed annulla i rumori provenienti dal piano strada impedendo che arrivino fino alle residenze dei piani superiori. Uno dei problemi storici di Domodossola potrebbe essere dunque risolto grazie ad un innovativo progetto che sfrutta le ultime avanguardie della tecnologia
  • il progetto Smart Tour ha come obiettivo principale la costruzione di una piattaforma integrata per permettere una migliore fruizione dei beni artistici della città e, allo stesso tempo, una messa in sicurezza degli spazi di interazione dell’esperienza turistica
  • easyparking, infine, ci permetterà di pagare il parcheggio attraverso il nostro cellulare con un sistema di carte prepagate e conti online, eliminando quella fastidiosa ricerca della monetina ed ottimizzando il più possibile la sosta
  • il “Piano regoLatore on-line” collegato allo Sportello Edilizia privata,  lo Sportello Telematico delle Sanzioni, per la visura e il pagamento delle multe on-line e il progetto del CSI Piemonte “pagoPA”, per il pagamento on line di tutti i servizi erogati dall’ente;
  • completamento della Metropolitan Area Network (MAN) ossia la rete digitale cittadina in fibra ottica con velocità fino a 10Gbps, per l’erogazione di servizi di pubblica utilità e di pubblica sicurezza sul territorio comunale
Scuole

La riqualificazione delle scuole cittadine è apparsa subito come una priorità al fine di garantire strutture valide e sicure per i molti studenti che ogni giorno seguono le lezioni nei differenti istituti cittadini. Sono stati realizzati importanti interventi strutturali, tra i quali: la riqualificazione del giardino della scuola dell’infanzia Rodari e del cortile delle scuole don Milani (€ 45.000); la completa ristrutturazione e riammodernamento (ultimo lotto 700.000 euro) del plesso scolastico ex-Ungaretti della Scuola Media Statale (che ha permesso finalmente la realizzazione del refettorio); l’ intervento di riqualificazione e rifacimento infissi presso la sede della scuola di Calice, in località Quartero. Si è proceduto ad una revisione generale del piano di connettività per le scuole dell’Infanzia, le scuole Primarie e la Scuola Media, che ha portato a sostituire le vecchie connessioni in rame con connessioni a banda larga in fibra ottica. Considerevole sostegno è stato dato ai progetti formativi delle scuole, non soltanto erogando, compatibilmente con le disponibilità economiche, i contributi richiesti, ma anche finanziando, direttamente e in collaborazione con altri soggetti, numerose altre attività. Giova ricordare almeno:

  • il Progetto C’entro Anch’io (la cui prima edizione è stata finanziata con € 60.000, derivanti in gran parte da un contributo del GaL mentre la seconda con soli fondi comunali per un importo di 12.000 euro;
  • la sperimentazione di classi a metodo Montessori all’interno della scuola pubblica (prima esperienza in Ossola);
  • la realizzazione, in collaborazione con il 2 Circolo Didattico, della manifestazione annuale Domodossola Città del gioco.

Sul versante dell’edilizia scolastica si dovrà completare quanto avviato durante il precedente mandato amministrativo, in particolare dando corso alla già programmata ristrutturazione degli edifici delle scuole Don Milani-Rodari, del plesso scolastico ex-Giovanni XXIII della Scuola Media e della scuola Kennedy-Fernandez, per un importo complessivo di € 2.400.000 (nell’ambito di quest’ultimo intervento si procederà anche alla riqualificazione del giardino della scuola dell’Infanzia Fernandez).

Domo per il sociale

Grazie alla donazione di circa 300.000 euro e la vendita di 3 appartamenti sarà possibile programmare attività sociali, in particolare a favore degli anziani. In coerenza con quanto già fatto finora, si programma

  • il mantenimento delle risposte e degli interventi calibrati al disagio sociale;
  • l’erogazione, controllo e monitoraggio costante delle prestazione e dell’assegnazione di contributi a fronte di un servizio civico di volontariato e dell’utilizzo dei centri di pronta accoglienza;
  • sostegno della famiglia, dei giovani, del lavoro;
  • attivazione di progetti ad hoc (es pulizia verde/strade) aumentando il servizio civico di volontariato a favore della collettività;
  • ulteriore implementazione di progetti come partner o come promotori con il CISS e ASLVCO;
  • accesso al contributo Regionale per sostegno alla locazione;
  • accesso al contributo statale per agevolazioni energia elettrica e gas naturale;
  • interventi per canoni d’affitto (morosità incolpevoli).

QUI E’ DISPONIBILE IL PROGRAMMA COMPLETO

Articoli correlati

  • 10000
    Dalle parole ai fatti: un bilancio positivo per i cinque anni di amministrazione Cattrini PERCHÉ MEGLIO CATTRINI? - Perché il flusso turistico a Domodossola è più che triplicato: basta guardarsi intorno per capire che in città sono numerosi i turisti provenienti dalla Svizzera e dall’Italia, grazie alle collaborazioni avviate con Milano e con Berna. - Perché…
  • 10000
    Erano presenti Léonard Gianadda e Maria Carmela Rozza all'inaugurazione della mostra di Gabriele Croppi dal tema "Metafisiche". È stata inaugurata ieri la mostra "Metafisiche" del fotografo artista Gabriele Croppi, allestita presso Palazzo San Francesco e visitabile da lunedì al sabato dalle 14.00 alle 19.00 fino al 14 settembre prossimo. L'Associazione Musei d'Ossola, guidata da Paolo Lampugnani, ha organizzato l'evento nell'ambito…
  • 10000
    E' stato inaugurato oggi dopo anni di lavori di ristrutturazione Palazzo San Francesco. A tagliare il nastro è stato Robert James Thomson Dellor, direttore editoriale del Wall Street Journal, ospite d'eccezione per l'occasione, che è giunto a Domodossola accompagnato dalla moglie e dai due figli. (Vedi precedente articolo: Robert J. Thomson all’inaugurazione il 22 dicembre).…
[Top]