Archives: maggio 2013

Mostra Lèonard Gianadda Fotoreporter anni ’50

giannada

Arriva in Italia, dopo varie tappe internazionali, la mostra dedicata alla fotografia di Léonard Gianadda. Il Museo di Palazzo San Francesco rende omaggio a questo poliedrico personaggio, originale uomo del suo tempo, che iniziò giovanissimo una carriera da fotoreporter di grande interesse. Gianadda, di origini italiane, è nato nel 1935 a Martigny, in Svizzera. A soli 18 anni, ancora studente, era già al servizio di importanti giornali e riviste illustrate per raggiungere personaggi e situazioni tra i più diversi e complessi, per l’epoca. Con grande spirito d’iniziativa e curiosità, ha avvicinato con lo stesso approccio le star di Cinecittà come i contrabbandieri di Palermo. Sviluppò uno stile molto personale, partecipe del mondo che lo circondava, eppure affine al gusto dei grandi fotografi dell’epoca. In questa esposizione, curata da Jean-Henry Papilloud e Sophia Cantinotti, l’attenzione si concentra attorno ai viaggi che Léonard Gianadda ha compiuto tra il 1952 e il 1966, in modo particolare attraverso i paesi del Mediterraneo: Italia (1952), Egitto (1956), Italia-Tunisia (1957), Spagna-Marocco (1958) e un tour articolato compiuto con il fratello Pierre (1960).

Nel 1977, un anno dopo la morte in un incidente del fratello Pierre, Léonard Gianadda ha istituito a Martigny la Fondazione Pierre Gianadda, particolarmente attiva sui fronti dell’arte e delle diffusione della cultura internazionale. Nel 2009, sempre nella sua città natale svizzera Martigny, inaugura la Fondazione Annette & Léonard Gianadda, impegnata su attività di carattere sociale.

Contemporaneamente, l’esposizione Léonard Gianadda: l’uomo e l’opera a cura del Centro Internazionale di Documentazione Alpina, visitabile presso la Fondazione A. Rosmini in via Canuto 12 (Domodossola), consentirà di approfondire il percorso di vita del fotoreporter, ingegnere e mecenate, attraverso 6 sezioni divulgative.

È stata conferita la cittadinanza onoraria a Léonard Gianadda da parte della Città di Domodossola durante la seduta del Consiglio Comunale il 30 maggio 2013.

L’esposizione “Léonard Gianadda. Fotoreporter degli Anni ’50”, è ospitata dal Museo Civico di Palazzo San Francesco, nel centro storico di Domodossola, nella porzione di piano terreno dedicata alle mostre temporanee. Alle spalle di questo allestimento, è presentata una importante selezione di opere di pittori Vigezzini (fine ‘800 – inizio ‘900). Al termine dei lavori di restauro, firmati dall’architetto Paolo Rancati, i piani superiori del Museo ospiteranno le ricche collezioni civiche, che comprendono parti storiche, scientifiche e artistiche. Un insieme eterogeneo di grande interesse: alle raccolte archeologiche e numismatiche si affiancano arte sacra e una notevole sezione naturalistica (minerali, piante, soggetti zoologici a partire da un primo nucleo risalente al 1875).

Esiste una documentazione di approfondimento disponibile su richiesta riguardante le vicende passate, presenti e future di Palazzo San Francesco.

SCHEDA TECNICA DELLA MOSTRA

Titolo: Léonard Gianadda. Fotoreporter degli Anni ’50
Curatori: Jean-Henry Papilloud e Sophia Cantinotti
Sede: Museo Civico di Palazzo San Francesco
Indirizzo: Piazza Convenzione 11, 28845 Domodossola

Inaugurazione su invito: 1 giugno 2013, ore 17.00

Apertura: 3 giugno – 31 ottobre 2013 / dal lunedì al sabato, 14.00 – 17.00

Tariffe: adulti 3€, bambini dai 6 ai 11 anni 1€, ragazzzi ai 12 ai 19 e universitari 2 €, over
60 e diversamente abili 1€

Le fotografie esposte sono pubblicate nei cataloghi:

- Léonard Gianadda, d’une image à l’autre, 2008 (336 pagine + 1 DVD)

- Moscou 1957, 2010 (224 pagine)

- Portraits-rencontres, 2012 (264 pagine)

Prezzo di vendita: 37,50 €

La mostra è organizzata dalla Città di Domodossola e dalla Fondazione Pierre Gianadda
Informazioni: www.comune.domodossola.vb.it / +39 0324 4921316 / +39 0324 4921311 /+39 338 5029591
e-mail: cultura@comune.domodossola.vb.it

Ufficio stampa: Valentina Romen + 39 335 7040106 / e-mail: v_romen@hotmail.com
Annalisa Rosso + 39 348 7920716 / e-mail: lysarosso@gmail.com